Stornelli - fiamignanoalvy

Vai ai contenuti

Menu principale:

Stornelli

Dialetto



Per il significato di alcune parole provate a cercare nel Dizionario,-Lessico

Stornelli

- Quannu u alle canta e la gallina feta, la meglio gioventù sta a Fiamignano!
- E mamma me llo disse e mme llo fece quell'affaruccio che alle donne piace!
- Da quanno non lu remetto più a su buciu alla cappella me se c'è fattu o caciu!
- Pozzi fa la fine ellu cotturu co l'ancinu n'ganna e lu focu n'culu.
- Se te n'contro sola jo pe'lla macchia te faccio sentì u strillu ella cornacchia.
- Affacciate alla finestra muccu tintu, che mo te llo remagni lo panuntu.
- Poera figlia mè non era avvezza e sotto le lenzola sbatte a mazzza.
- Pozzi fa la fine ellu attu, pe n'a magnata e soreca s'è mortu.
- Vidi n'a zoccola ammonte allu muru, mo piglio u torturu e la faccio calà.
- Quanno nascisti tu nascì un somaru, arzò ha coa e fece n'gran sospiru.
- Te lla si fatta roppe alla fornace, mo mittiteccillu u itu se te coce.
- La donna quanno carpe la lenticchia, i pili della fregna n'terra tocca.
- E fammeccillu mette ponta ponta, che po ci penso i a dalli n'à spenta.
- Pozzi fa la fine ellu canguru, zompa zompa zompa e lu piglia n'culu.
- Come scarparu che non fa casu a m'puntu, a morona teo non se fa spissà pe dalla.
- Marì Mari Mari entru alla stalla te faccio fa lu versu ella cavalla.
- Marì Mari Mari entru alla macchia te faccio fa lu sardu ella ranocchia.
- Quanno te vedo lu core batte, sotto, l'uccellu addrizza le recchie.
- E me la voglio fa na fumataccia, moglieta mette a pippa e io a cannuccia,
moglieta mette a pippa e io a cannuccia po vedemo u fumu che caccia.
- Me ne vojo jì verso la riva a fa la vita bella e scellerata, dove l'amore me perse la vita.
- Me ne vojo jì verso Livorno dove le ragazzette me la danno, prima la buona sera e poi il bungiorno.
E lu bongiorno me lu tingo adesso, la buonasera quando ci ripasso.
- L'amore non se fà allu lassa e piglia, Se fà come lu ferro e la tenaglia.
- Te lo voglio di fiore di riso, Amore da' un bacetto e fa 'n sorriso Che poi ci sposeremo in Paradiso.
- Te lo voglio dir fiore di pepe, tu giri intorno a me come fa l'ape è come girà intorno ad una siepe.
- Te lo voglio dir fiore di pepe, Se non me la vòi da' fammela vede Sennò me c'ammazzo dalle seghe.
- Davanti casa mia c'è un Olmo secco, Lo voglio buttar giù pe' facce un trocco, Pe' facce beve a te muso de porco.
- Te lo voglio dir fiore di latte, Da li vaccari te l'ha' fatta roppe Sopra alla magnatora delle vacche.
- Te lo voglio dir fiore di menta, La menta si somenta e si trapianta, L'amore non se fa se non se monta.
- Me ne vojo jì là pe' lla Villa, A fa li focarelli ma co' lla paglia, Dove l'amore mio c'ha tanta legna, Ma su le scale so piene de paglia.
- Tu pensa quant'è stupida la donna, Che c'ha du' mele 'npetto e non se lle magna, Ma quanno piglia marito gliele consegna. Questa è la dote che j'ha fattu mamma.
- Te lo voglio dir bella fanciulla Beato chi te strigne e chi t'abbraccia e chi te bacerà quella boccuccia.
- Guarda là sopra a quillu colle ci sta l’amore mio con le cavalle.
- Amore amore amò famme fa na pelle Famme levà stu pisu dalle palle Non me le fà fa’ più le zaganelle.
- Me so fatto la ragazza a Fonte Rosa Non mi interessa se non c’ha la casa Basta che c’ha la fica bella pelosa.
- Me so fatto la ragazza ho la Pace E poi la porto a spasso a Santa Croce La faccio vede a mamma se lli piace.
- Me ne vojo annà là verso Roma Il cuore l’ho donato a una romana Ma lo rivoglio io so la padrona.
- Te lo voglio dir fior di cristallo Non solo la criniera c’ho de cavallo Mamma me c’ha fatto lu pisello.
- Te lo voglio dir fiore di pesco Co’ la banana mia c’hai preso gusto E co’ lle mani tue la rimetti a posto.
- Te lo voglio dir fior di limone Co’ la farina ce se fa’ lo pane Co’ le ragazze ce se fa’ l’amore.
- Te lo voglio dir fior di fagioli Se so mischiati i bianchi co’ lli neri Così se mischieranno i nostri cuori.
- E quanno me levai lu pelliccione Nessuna donna me la volle dare Perché puzzavo de becco e de montone.
- Rizzate Mari’ che giorno è fatto Lo porcu sta a strillà jo lu stallittu Perché je manca l’acqua ne lu trocco.
- Me ne vojo annà verso la Villa do' li confetti fau a cuzzurella povera fija mia chi se la pija.
- Te lo vojo di fior de insalata io faccio l'amore e tu si fidanzata co' du parole famola finita.
- Te lo voglio dir fiore de pesce la pecorella alla montagna pasce co l'erba tenerella se nutrisce.
- Te lo vojo dir fiore de ruta chi vo' la ruta pe' le prata vada chi vo' la fica la mamma saluta.
- Me so fatto la regazza su Trimezzo dove non c'hanno l'acqua pe' fa il pranzo la vanno a prende sempre co lu mezzo.
- Ce tengo un tratturittu tuttu ruttu se perde l'ojo pure da lu tappu se non lo porti via lo scoccio tuttu.
- Ce tengo 'na vanella là lu core nessun dottore me la può levare solo l'amore mio co' du' parole.
- Quando nascesti nacque un bel fiore la Luna si fermò di camminare le stelle cambiarono colore.
- Siete na ragazzetta riccia e bionda di nome vi chiamate Veneranda li ragazzi pe' voi fanno la ronda.
- Te lo vojo dir fior de cicoria non me te fa trovà a cianghe pe' ll'aria sennò la fica tua butta materia.
- Che bella camminata c'ha la Luna prima se fa li monti e poi la piana la reverenza che fa la matina.
- Sulla finestra mia ce stau li vetri sulla finestra tua li pommidori non sono pommidori, sono frutti se non te ne vai te li tiro tutti.
- De te me 'nnamorai dentro la Chiesa e quannu lu prete disse "ma mo che fate!?".
- Sulla finestra tua ce stau li vetri e ce li fai veni' li innamorati ce li fai veni' a cavallo e a piedi.
- Te lo voglio dir fior de lichene che me se so calate le mutanne veniteme a vede' cosa me penne stu pendolino d'oro da le palle.
- E me ne vojo anna' su pe' li monti a gode l'aria de li mejo venti e a beve l'acqua de le mejo fonti.
- Ma come dormi bene bella fija che l'aria della notte ti fa bella e quella de lu giorno ti trastulla.
- E come giri bene giri bella quanno cammini tu lu culu balla le zinne te la fau la saltarella attenta a non cascare a faccia avanti che ciò che porti in petto te lu rompi.
- E te lo voglio dir fiorin fiorello chi nasce a piedi non pò anna' a cavallo chi nasce brutto non pò morire bello.
- Te lo voglio dir fior d'ogni monno me faccio quattro pecore e le mogno ce faccio la ricotta e me la magno a fa l'amore co' te me ne vergogno.
- Su la ficara mia non ce se monta mettite lu campanu e fa la vacca che tanto a te maritu non te tocca.
- Ti ricordi il giorno lì la stalla che io guardavo il cielo e tu la terra pe' testimone c'era 'na cavalla.
- Te lo voglio dir fiore de pepe a chi la promettete a chi la date quanno la chiedo io non ce l'avete.
- Se vuoi portare a casa l'allegria (oppure "Catarinella se te piace l'allegria") pijate pe' maritu un sonatore che giorno e notte allegra te fa stare.
- Ma come suoni bene suonatore le mani ti si possano donare ma come suoni bene suonatore.
- E mo non canto più me so' arraghitu Me so magnato la cipolla arago me ne vado via e te saluto.
- Io scrio li stornelli a centinara ne ajo un pizzico senza una lira: La gioventù de casa se l’ impara, li canta per amor a chi sospira.
- Chi è che mo sfida pelì stornelli, se piglia la chitarra, se gli noce: Facemo a chi li sa cantà più belli finchè non so remasu senza oce.
- E tu a cantà con me non te cce mette vaffà chicchirichì con le ciuette.
- Io pe maritu oglio nu scarparu le scarpi melle fa guarnite d’ oru.
- Dio fa le montagne e po ce fiocca e fa l’ omo e la donna e poi l’ accoppia.
- Lu bellu amore sennè itu a mète: nvece e revenì s’è fattu frate, è itu allu conventu de Riete.
- Chi cià la moglie bella sempre canta, chi cià pochi quatrini sempre conta.
- Affacciate alla finestra se ci sei, damme na goccia d’ acqua se ce l’hai, se non me la voi dà padrona sei.
- Bella se voi venì io te ce porto allu pagliaru meo, do ce sta l’orto te ‘mparo a fa l’ amore e te reporto.
- Quanno la donna è bella e maliziosa, pure senza la dote se marita, se me lla fa vedè non te la tocco appena ce l’appizzo e lu recaccio.
- E mammeta te tè tantu da sarta, non te sa mette nu puntu a na saccoccia.
- Arrizzate Marì che sò Domenicu, se non t’arrizzi tu s’arrizza u manicu.
- E zittu zittu che non sa cantane e raglia meglio l’asenu che tune.
- Se l’asenu cantasse come tine, mancu la paglia gli facerria magnane.
- Te pozzanu vedè mezzu a nu pratu co centu lupi e nu cane arrabbiatu.
- Tira lu ventu e la cerqua trema a mamma va strillenno che la figlia è prena.
- Compare pecorà para su cane, se me fa muccicà te butto a fiume.
- Te oglio tantu bè te lo confesso, se troo n’atra amante io te lasso.
- Se me ce lu fa mette n’ponta n’ponta, sarà pensieru meo daglie na spenta.
- Se vo venì con me alla fontana, te faccio vedè lu pesce senza spina.
- La bocca tua è piccola, n’bucittu se magna tutta la casa co llu tittu.
- T'affacci alla finestra muccu e rospa, mitti paura alla gente che passa.
- E me so 'nnamoratu a carnevale, pe falla la quaresima de core.
- E' scurtu carnevale e scurtu amore, ne revedemo a Pasqua se Dio vole.
- E mamma me lla fatta l'armatura, du palle n'catenate a na pistola.
- Mamma me l'ha fatto lu strippadonne, sotto lu mollicolu me repenne.
- Se me lla fai vedé non te lla tocco, pago a murda se non te lla spacco.
- Se me lla fà vedé la bianca e nera, te llu faccio vedé u sagli e cala.
- Fiore de menta, l'amore non se fà se non se monta, se non te metto 'ncorpu la somenta.
- Io sò mularu e porto e capezze, pe n'capezzà e belle ragazze.
- Sotto a casta te ci scorre l'acqua, lavate ssu muccu brutta zozza.
- La strada de rascino voglio fare è quella che me porta dal mio amore.
- La strada ella montagna è longa n'anno, povero amore mio la fa 'gni jorno.
- E alla socera meo gli fau le fregne, io pe dispettu me magno le sagne.
- E la socera meo sta corga a lettu, Speriamo che a campana gli sona a mortu.
- Nu semo della teppa Cicolana, famo brillà la stella mmattutina.
- Teneo n'asenillu e me sse mortu, non pozzo portà più lo stabbiu all'ortu.
- Non serve che te lavi e che t'allisci, pe esse bella se cci deve nasce.
- Lo sciupi lo sapone e sprechi l'acqua, remani sempre pecora moretta.
- Te ricordi quann'eri pecorara, è stata a Roma e te rencivilita.
- Alla finestra mia ci so li vasi, ci stau i fiori de tutti li mesi.
- Alla finestra meo ci stau le rose, invece a quella tua le corne appese.
- Mammeta è campanella e tu campana, ci serve nu battocchiu che ve sona.
- La donna è fatta come la campana, senza battocchiu dindola e non sona.
- L'amore è fattu come na campana, quanno tiri la corda allora sona.
-La femmona se piscia fa li danni - se n'fonne pilu culu e carecagni.
- Alla padelletta teo gli serve l'untu - la sargiccetta meo ne caccia tantu.
- Te llo recordi bella su alla foce - quanno te misi 'n mani stu ramo e noce.
- Te lla si fatta roppe allu stracciarolu - pe un paru e petalini e mezzu lenzolu.
- Se t'arrivo a pijà co sta bella stanga - te faccio cammina tre mesi cionca.
- Affacciate alla finestra scompisciata - e mitti le lenzola a scolatora.
- Affacciate alla finestra tusci tusci - famme vede' lu buciu da do pisci.
- Affacciate alla finestra chiappe tonne - chi te se godera' senza mutanne.
- Che pozzi fa la fine ellu crastatu - nasce cornuto e more scannatu.
- Te pozzanu pija' doluri e doglie - non ci pozzi arria' a pija moglie.
- Te pozzanu pija' tanti doluri - pe quantu raglià fanno i somari.
- Te llo recordi bella allu pagliaru - te lla so fatta roscia a pimmidoru.
- Oh bella bella bella opri le cosce - e sentirai stu toru quanno pasce.
- Tenissi la virtù che tè lu alle canta chichirichi monta a cavallu - canta chicchirichi monta a cavallu elle galline se capa la meglio.
- Tenissi la virtù che tè lu poce - tutte le notti co le donne giace.
- Se me lla fa vede' coccia pelosa - te lo faccio vede coccia pelata.
- Se me la fai vede tanto lontano - ce vengo a c…o dritto e te lla crepo, ce vengo a c…o dritto e te la crepo.
- Se a primavera no refai na cena - presto se sentirà la tua campana, presto se sentirà la tua campana.

Per il significato di alcune parole provate a cercare nel Dizionario,-Lessico

 
Torna ai contenuti | Torna al menu